25 APRILE. INIZIAMO LA LIBERAZIONE?

Nessuno mi ha mai spiegato il significato della festa della liberazione. Nella mia famiglia di origine contadina in Terra di Lavoro, nessuno ha sacrificato la propria vita, che io sappia, per essere libero. Libero da cosa?

Il 25 aprile 1945 è il giorno in cui il Comitato di Liberazione Nazionale Alta Italia proclamò l’insurrezione in tutti i territori ancora occupati dai nazifascisti, indicando a tutte le forze partigiane attive nel Nord Italia facenti parte del Corpo Volontari della Libertà di attaccare i presidi fascisti e tedeschi imponendo la resa, giorni prima dell’arrivo delle truppe alleate; parallelamente il CLNAI emanò in prima persona dei decreti legislativi, assumendo il potere «in nome del popolo italiano e quale delegato del Governo Italiano», stabilendo tra le altre cose la condanna a morte per tutti i gerarchi fascisti, incluso Benito Mussolini, che sarebbe stato raggiunto e fucilato tre giorni dopo.

Insomma, la festa della liberazione si pone in contrasto con il “regime” fascista, ma anche qui le mie tradizioni familiari sono abbastanza indifferenti. Ricordo mia nonna che da bambino mi cantava le canzoni che le insegnavano da piccola e spesso univa le strofe di “faccetta nera” e “bella ciao”. Quante risate fatte con quella mia cara nonna che amava portarmi in chiesa, nella piccola frazione di Caserta in cui sono nati i miei genitori, per farmi leggere le letture dall’altare. Per questo la tradizione cristiana è quella che più mi ha formato in tenera età, diversamente da quella comunista o fascista.

Dopo  oltre 70 anni la festa della liberazione ha perso la sua rilevanza. Coloro che hanno combattuto e sono stati combattuti sono quasi tutti morti e mi sembra strano che il liberismo imperante non l’abbia ancora eliminata dal calendario per lasciare un altro giorno ai lavoratori del post-capitalismo.

La liberazione era contro un regime, quello fascista, ed è stata realizzata da molti che credevano in un altro regime, quello comunista, entrambi esperienze ormai esaurite.

Da cosa occorre liberarsi oggi? Ha senso partire da questa festa per organizzare una nuova liberazione?

Io credo che occorra liberarsi da una classe dirigente che negli ultimi 25 anni ha consentito, attraverso la globalizzazione finanziaria, di distruggere un paese che era potenza mondiale ed ora è solo oggetto di appetiti economici di multinazionali.

Il degrado morale, sociale, economico e politico che vive il nostro paese è sotto gli occhi di tutti. Molti italiani hanno perso la speranza di un futuro migliore. E’ possibile uscire da questa situazione o si tratta di un inevitabile declino? I nostri figli sono destinati a non avere possibilità di riscatto?

Se pensi che la storia non sia già scritta e che l’Italia possa ritornare a svolgere un ruolo di guida culturale, sociale, economica e politica. Ma soprattutto se pensi di essere un italiano “perbene”, unisciti a noi per costruire un paese migliore, con il pensiero rivolto ai nostri padri costituenti e lo sguardo alle future generazioni.

Iniziamo oggi a progettare, con onestà, competenza e responsabilità, la nostra liberazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *